Dal vangelo secondo Outlook. Stralci di mail che meritano un’altra vita.

La questione è semplice: ma se nell’altro vedi te stesso, come diavolo fa a piacerti?

No, perché è fondamentale una sensibilità affine, pare. Una qualche forma di riconoscimento, di somiglianza, di sovrapposizione, di “maddai, anche tu sei degli anni ’60!”. Ed è vero, è vero perché solo un simile presupposto ti consente di non dover spiegare mai più di tanto, che è così volgare stare lì a spiegare, facendo godere i tuoi muscoli facciali del più vero e convinto ‘lo sai, no?”. Ed è così bello e liberatorio ed esageratamente comodo. Un viaggio alla scoperta di un divano, praticamente. E tu lo guardi, l’altro, e riesci a cogliere perfino il riverbero di quella volta in cui, in terza elementare, ti sei messa a piangere perché la maestra non t’ha scritto che eri bravissima, a penna rossa, sul quaderno. L’altro ti guarda e ti vede. E, incredibilmente, gli piace quello che sei, con gli occhi ancora gonfi per colpa di quella maestra stronza. Ma siamo sicuri di voler essere visti così tanto? Chè quando io penso alla verità, su di me, mi viene da vomitare, poi la abbraccio forte perché mentire sempre è sfiancante. E le affinità, sì, esistono, ma forse dovrebbero essere pericolosamente parziali, per sopravvivere. Sacrificare un pezzetto di complicità assoluta per mantenere inalterato quel prezioso senso di perenne irrisolto, quello che cresce sulla roccia più arida del non vedersi, del non sapersi, e si mantiene così, teso e concentrato verso l’interno, mentre il resto del mondo resta in balìa di se stesso, e non sa farsi neanche le domande giuste, su quei due, perché davvero li capisce. Si limita a osservarli di schiena, mentre si allontanano.

4 risposte a "Dal vangelo secondo Outlook. Stralci di mail che meritano un’altra vita."

  1. Interessante assoluzione sul come e (sul coma) perché è bene esercitare arbitrio. Per filo e per segno “davvero lì ci capisce”. La libertà del resto è sempre stata un’arma a doppio taglio. Ed ora che sono di spalle e si allontanano chissà chi dei due farà spallucce. Poco importa; la risposta sta già scritta in quel che non è stato detto. E so che le tue righe (se mai continueranno) son frutto proprio della mirabolante arte di guardarsi dentro, rivangando, ognuno al suo giaciglio… “Ciascuno al prun dell’ombra sua molesta”.

    • In un mondo perfetto, in una fantasia perfetta, nessuno dei due dovrebbe fare spallucce. O, forse, farlo entrambi.
      Grazie davvero per il tuo commento.

  2. una struggente analisi del rapporto , uno/uno , la forza della condivisione del se . la riconoscibilità di ciascuno , nell’altro , credo abbia una sua intrinseca necessità di essere vissuta , a prescindere dalla consapevolezza del riconoscersi , e credo sia parte dell’evoluzione antropologica della specie .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...