Pollo alla favola

Non serve ragionare, il corpo mi dice tutto.

La certezza d’aver perso la sento tra lo sterno e le scapole. È un male fisso, costante, che deride, non ci puoi parlare, non lo puoi afferrare e spostare, non lo puoi moderare, non gli puoi chiedere la cortesia di togliersi di mezzo, che avresti da fare.

Sei un pollo. Sì, un pollo. Un grasso pollo pallido che viene infilzato da una mano invisibile con l’apposito spiedo e sballonzolato un po’ per essere messo in cottura, col preciso intento di ridurti ad una carcassa fragile e dorata, priva dei fluidi, del sale e della coscienza.

La perdita è una questione gastronomica.

Una risposta a "Pollo alla favola"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...