Hardc(u)ore

La rappresentante di film porno non era una donna attraente. Il tono della sua voce riportava la memoria al percuotersi di un tamburo nella notte. Affrontava la cilindricità del proprio busto con ardimentose cinte di nappa, ma non riusciva a correggere l’inestetico slancio verso l’esterno del proprio passo.

Entrava in videoteca con una valigetta in finta pelle squadrata e rigida, come un’informatrice scientifica, solo che, al posto dell’ultimo farmaco per l’emicrania, corredato di gadget massaggiatesta, c’erano dvd equivoci e una vasta scelta di locandine colme di seni rifatti e bocche aperte.

“Stanno andando molto gli amatoriali, in questo periodo, vi faccio vedere” – e armeggiava con i settori della sua valigetta, estraendone, uno alla volta, titoli come “la vicina si fa chiavare”, “dentro casa, dentro il culo” e “Maria la porca”.

La disamina era questione assai seria e richiedeva tempo, pazienza, nonché una certa lungimiranza circa le peggiori perversioni sessuali dei nostri clienti.

“Non so. Ma non hai niente con Eva Henger? Gli uomini tra i 40 e i 50 ce la chiedono…”

“Quella è sorpassata, ragazzi, fidatevi! Le vecchie! Le vecchie sono il futuro” – e armeggiava con i settori della sua valigetta, estraendone, uno alla volta, titoli come “prima di morire, ti prosciugo”, “una nottata di follia matura” e “il gran casino all’ospizio”.

Finivamo sempre col comprarle qualcosa, una decina di titoli, pagati a 60 giorni, ma era più una questione di affetto nei suoi confronti, nei confronti di quell’entusiasmo professionale malato che trascinava da un negozio all’altro, camminando come un calciatore fuori allenamento.

Ci metteva cuore.

Poi le videoteche cominciarono a chiudere e chiudemmo anche la nostra. I clienti che ci chiedevano Eva Henger, non senza noleggiare anche una pellicola action, trovarono altri modi per stimolarsi la fantasia.

E anche della rappresentante di film porno perdemmo le tracce.

Però ci tenevo a dirle che mi manca e che, in effetti, le vecchie andarono forte.

9 risposte a "Hardc(u)ore"

  1. Sto leggendo tutto di te.
    Avrei preferito essere evitato (su Twitter) da una persona meno preparata, intelligente e con una capacità straordinaria di ironizzare sulla vita, ma non mi hai dato modo di farti conoscere la mia correttezza. Ho lasciato Twitter, deluso della breve esperienza, ma voglio comunque manifestarti la mia ammirazione per tutto quello che ho letto di tuo, in questi giorni, tramite Internet.

    Non potevo non dirtelo, scusa la nuova invasione.
    robi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...