Pain

Che bellissimo dolore avvertivo.

Il dolore era il segnale, il termometro del mio essere viva.

Il dolore confermava l’importanza di ogni mio atto, di ogni mia scelta.

Sanciva la verità delle mie intuizioni.

Mi assaliva e restava con me.

Io lo lasciavo fare perché il suo tormento mi dava pace, giustificava i miei occhi gonfi, gli incubi e il sudore all’improvviso.

Nel momento del dolore, le circostanze sbiadiscono, ma la mente entra perfettamente nel suo fuoco.

Ricordi dettagli insignificanti, ricostruisci scenari. Sei preciso, potente, seducente.

Perdere il dolore è come ammettere che, tutto sommato, non era così importante.

Perdere il dolore è come abbandonare il grande girone della nobiltà d’animo e tornare a passeggiare sulla terra, solo. Senza meta.

6 risposte a "Pain"

  1. soffrire è sentire, concordo pienamente.
    frasi brevi e incisive. ottima la scelta di usare l’imperfetto che ammanta le parole di un effetto-nostalgia.
    apprezzo anche la molteplicità di lettura che mi fa spaziare da una interpretazione puramente fisica, sado-masochistica, ad una decisamente più spirituale, di rapporti sentimentali (ma la seconda non cotraddice la prima, semmai la amplifica). Il tutto espresso con cura e leggerezza.
    piaciuto.
    ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...